Blog-----------------Forum
Testimonianze Letteratura Corsi e Seminari

   GRUPPO D'AUTO-AIUTO MALdAMORE

Gli strumenti principali con cui l'A.S.I.P.D.A.R persegue i propri scopi sono il sostegno in rete e il gruppo d'auto-aiuto Maldamore.

Il sostegno in rete avviene tramite colloqui di sostegno telefonici, via e-mail o in chat.

Il gruppo d'auto-aiuto Maldamore è un gruppo, tra persone che hanno in comune lo stesso problema e che, nel confronto paritario con gli altri, cercano di vivere momenti di condivisione, di solidarietà e di crescita.

All'interno del gruppo, ogni persona, che inizialmente si percepisce spesso solo come bisognosa d'aiuto, può sperimentare d'essere persona in grado di dare aiuto; da soggetto passivo, quindi, diviene soggetto attivo, verso se stesso e verso gli altri.

La caratteristica fondamentale del gruppo d'auto-aiuto, come già sottolineato, è l'essere un contesto paritario: l'assenza della guida di un conduttore professionista, permette a ciascun membro di non poter delegare all'esperto la responsabilità del proprio percorso e, dunque, la responsabilità complessiva di sé.

E' prevista, comunque, la figura del facilitatore. Si tratta di un membro del gruppo, con un percorso di terapia significativo alle spalle, che ha seguito una specifica formazione, finalizzata a fornirgli gli strumenti di gestione della comunicazione, e che ha solo la funzione del facilitatore della comunicazione stessa. Con questo patrimonio conoscitivo ed esperienziale ed essendo, in più, portatore dello stesso problema degli altri, il facilitatore può permettersi di portare, all'interno del gruppo, il proprio vissuto emotivo e di utilizzare l'esperienza gruppale per la sua personale crescita.

In una fase di costituzione iniziale del gruppo di auto-aiuto, lì dove non è possibile individuare od avere la figura del facilitatore, è prevista la figura di un professionista, che non tenterà una parodia della terapia di gruppo, ma cercherà di attuare le stesse identiche funzioni del facilitatore.

Sintetizzando il gruppo di auto-aiuto offre:

accoglienza, solidarietà, incoraggiamento, sostegno
In questa prima fase, l'essere ascoltati (ascolto ricevuto) è la risposta, l'unica risposta, che si cerca; ed è ciò su cui si fonda la base sicura, che consente di passare ad una dimensione comprensiva anche dell'ascolto attivo.

empatia, affettività, confronto
Nella seconda fase, l'ascolto è divenuto attivo: l'altro è specchio di sé e in esso si ritrovano parti significative del proprio essere, della propria modalità di essere. All'altro si concede l'ascolto, nella misura in cui lo si richiede per sé: orizzontale, reciproco, non giudicante, privo di pregiudizi. E sano.

A differenza di un setting di terapia individuale o di terapia di gruppo, la democraticità del contesto di auto-aiuto ed il mettersi in gioco apertamente da parte di tutti i membri, consente a ciascuno di ascoltare in modo attivo e di poter rispondere, secondo modalità che via via si diversificano da quelle tipiche della propria vita fuori dal gruppo.

avanzamento nella consapevolezza, cambiamento
Il passaggio alla seconda fase accompagna, di conseguenza, la terza fase: quella dell'acquisizione di una consapevolezza maggiore e meno rigida di sé e dell'altro, e di conseguenza segna un cambiamento, che poi coincide con il maggior senso d'autoefficacia, benessere, capacità di trovare soluzioni ai propri problemi.

Come avviene ciò?

Come si è visto, fondamentalmente attraverso la relazione d'ascolto e risposta, o meglio l'evoluzione in tre tappe, della relazione di ascolto e risposta.

Una delle regole principali che il gruppo d'auto-aiuto si dà, dunque, è quella della sospensione del giudizio, del pregiudizio e dell'unico modello mentale, a favore della molteplicità dei punti di vista possibili.

Tale sospensione, oltre ad incoraggiare la libertà d'espressione e a facilitare il superamento della vergogna, crea le condizioni per l'accettazione dell'altro e, di riflesso, per l'accettazione di se stessi.

L'auto-aiuto coincide dunque con la possibilità reciproca di scoprirsi e con la possibilità reciproca di accettarsi.

Questo è un punto di fondamentale importanza nel susseguirsi delle tappe, che creano i cambiamenti auspicati da qualunque percorso d'auto-aiuto.

Non riteniamo che ciò che è altamente significativo, è che ognuno, senza dover aderire a delle verità presistemiche, può scoprire e vivere la propria verità; partiamo, cioè, dal presupposto che ognuno ha una sua risposta dentro, che non è applicabile a tutti gli altri.

L'impostazione di massimo ascolto, agli altri e a se stessi, permette proprio questo: l'individuazione, il riconoscimento, l'accettazione della propria identità. E non è poca cosa.

Gli obiettivi e i risultati sono spesso gli stessi ottenuti da una terapia individuale riuscita; ed è, tra l'altro, auspicabile l'integrazione tra questi due percorsi (naturalmente solo quando lo psicoterapeuta non lo viva come incompatibile).

In più, i gruppi d'auto-aiuto sono fruibili e accessibili, sia per i costi, che per l'abbattimento di parecchi limiti culturali, a molte più persone, pur sapendo non essere adeguati per la totalità.

Per poter partecipare ad uno dei gruppi d'aiuto MALdAMORE è necessario partecipare ad uno dei Seminari Esperienziali. Inoltre frequentando il Corso per Esperti in Problematiche Affettive e Relazionali ci si candida, se lo si desidera, ad essere conduttore dei gruppi d'auto-aiuto.

Sono in corso contatti con varie località d'Italia al fine dell'attivazione dei gruppi d'auto-aiuto. Per poter attivare un gruppo d'auto-aiuto in una determinata zona è necessario che vi aderiscano almeno 5 persone. Nel frattempo invito a esprimere il proprio disagio all'interno del forum dove risponderanno altri iscritti che condividono una problematica simile, sotto stretto controllo dei contenuti che vi verranno inseriti. Per maggiori informazioni sui gruppi d'auto-aiuto e sul sostegno in rete scrivi a asipdar@maldamore.it

Si può anche visualizzare la possibile LOCANDINA del gruppo d'auto-aiuto che si vuole costituire

Leggi i commenti alle precedenti edizioni dei seminari esperenziali sul Mal d'Amore


TESTIMONIANZA SUI GRUPPPI D'AUTO-AIUTO

Buongiorno,
sono Manuela ho 37 anni e da 2 anni soffro di dipendenza da mal d'amore....non riesco ad uscirene, nonostante gli sforzi.
Sono la vittima di un "carnefice", che per 4 anni mi ha dimostrato amore e quanto basti per farmi vivere un sogno...dopo la decisione di una convivenza....prima di convivere, mi lascia perche' dice che sono cambiata e con il tempo scopro che lui è così, indipendente e volitivo...sempre alla ricerca di un nuovo stimolo (donna) per sentirsi vivo. io da 2 anni stò morendo....gli chiedo di vedermi, 1 volta su 10 me lo consente...e poi quando è con me...mi riempie d'insulti...e io mi lego sempre di piu'....ero la sua regina, ora sono meno di una pezza da piedi...lui ha 12 anni piu' di me...e da quando mi frequenta sembra una persona rinata...e la sua forza sta nella mia debolezza...il sole che ha trovato in me, lo usa per calarmi nelle tenebre. aiutatemi, grazie


Ciao. Anche io, fino a un anno e mezzo fa, mi sono messa con uomini disadattati, alcolisti, approfittatori, freddi e crudeli. E mi sentivo anche in colpa per questo. Come raddoppiare la sofferenza! Fino a che ho deciso di tentare un'ulteriore strada e mi sono recata in un gruppo di auto mutuo aiuto per coalcolisti e in un altro per dipendenti relazionali. Ed è stata la mia salvezza. Il mio benessere emotivo , ora, è la mia priorità, non l'uomo problematico di turno. E' una lotta quotidiana, perchè questi uomini sono come una droga per me. E ne incontro tanti. Ma finora sono riuscita a"glissare" e rendermi conto per tempo della mia compulsione. Sono astinente un anno e mezzo da questo tipo di uomini e, in verità, anche da altri. Ho eliminato completamente l'alcool, che, talvolta, mi dava sicurezza e disinibizione, ma, nello stesso tempo, ulteriore compulsione e difficoltà a dire di no. O, per meglio dire, un pretesto per non dire di no. Perchè stare con questi uomini è sempre stato un mio bisogno. Ora porto avanti un programma specifico per le dipendenze affettive e per il miglioramento dell'autostima e dell'amore di me stessa e ho trovato ciò che ho cercato per tutta la vita. Questo è il periodo più bello della mia vita. Ciò che ho sempre cercato fuori lo sto trovando dentro di me ed è bellissimo. Ho ancora tante cose da cambiare, ma non mi sento più così sola. Ho sempre accanto a me il genitore comprensivo e affettuoso che ho sempre desiderato:me stessa. Non posso chiedere a un uomo ciò che mi avrebbe dovuto dare mia madre o mio padre, un amore incondizionato.Ma a me stessa lo posso chiedere. Non so ancora se riuscirò mai ad avere un rapporto più sano con uomo. Quello che ora mi importa è di non viverne mai più uno malato. Grazie


Ho accostato queste due testimonianze, che mi sono pervenute casualmente insieme, perchè nella seconda c'è la risposta alla prima.

 

Dott. Roberto Cavaliere

Psicologo, Psicoterapeuta

per contatti e consulenze private tel.320-8573502 email: cavalierer@iltuopsicologo.it

  Condividi su Facebook


                           Commenta l'articolo

PAGINE PRINCIPALI - HOME

DIPENDENZE AFFETTIVE
DIPENDENZA AFFETTIVA
CODIPENDENZA
ORIGINI DI UNA DIPEND. AFFETTIVA DIPENDENZE AFFETTIVE VERSO I FIGLI TEORIA E STILI DELL'ATTACCAMENTO
DIST.PSICHIATRICI E PROB.AFFETTIVE
DIST. DIPENDENTE DI PERSONALITA' STALKING E DIPENDENZA AFFETTIVA NARCISISMO

LA FINE DI UN AMORE
FINE DI UN AMORE
PERCHE' FINISCE UN AMORE
SUPERARE LA FINE DI UN AMORE DISTACCO TOTALE
SUICIDIO PER AMORE
GLI UOMINI E LA FINE DI UN AMORE

PROBLEMI DI COPPIA
SUPERARE I PROBLEMI DI COPPIA SCELTA DEL PARTNER
CAMBIARE UN PARTNER
PROBLEMI DI UNA 'SECONDA UNIONE' INCOMUNICABILITA' NELLA COPPIA PHILOFOBIA (paura d'amare)

GELOSIA E TRADIMENTO
LA GELOSIA
TERAPIA PER LA GELOSIA
RIFLESSIONI SULLA GELOSIA
IL TRADIMENTO
CAUSE DEL TRADIMENTO
AMORE E TRADIMENTO
" DIVERSA" LETTURA DEL TRADIMENTO RIFLESSIONI SUL TRADIMENTO
ELOGIO DEL TRADIMENTO TESTIMONIANZE SUL TRADIMENTO - TEST SUL TRADIMENTO
TRADIMENTO INSUPERABILE
BLOG: Il TRADIMENTO

TERAPIE
TERAPIA IN GENERALE
AUTOTERAPIA PERSONALE
DONNE IN RINASCITA
DIALOGO SOCRATICO-DIP.AFFETTIVA AUTOSTIMA E CAMBIAMENTO
SUPERARE UNA DIPENDENZA AFFETTIV CINETERAPIA
PET THERAPY

CONTRIBUTI DI STUDIO
D.AFFETTIVA: FASI DI UNA PATOLOGIA IL MASOCHISMO PER LA PSICOANALISI FREUD, HIMEROS E PEDRO SALINAS
LETTURA CORPOREA DELLA D. AFF. DIPENDERE DA AMORE IMPOSSIBILE DIPENDENZE SPIRITUALI
UN VIAGGIO 'RIGENERANTE'
SEPARARSI
"SCARPETTE ROSSE" OSS. E DIPEND. L'AMAVA A TAL PUNTO...
IL PICCOLO PRINCIPE E LA DIP.AFFET. CERCHIAMO DI CAPIRCI E PIACERCI

TEST SUL MALdAMORE

INTERVENTI TELEVISIVI

INTERVISTE ED ARTICOLI

CONSULENZE

NOTIZIE SUL MALdAMORE

RACCONTI TERAPEUTICI

PRIMI AMORI

SONDAGGI